INTERNSHIP UK

Read how you can change your life

Come realizzare presentazioni con successo

Fin dai tempi della scuola siamo tenuti a relizzarle. Alcuni scrivono un testo che poi leggono ad alta voce. Altri hanno le “flash cards” (piccole carte su cui vengono scritte parole chiave) e poi vi sono quelli che si limitano solo a parlare. Per alcuni, realizzare una presentazione è una delle cose più terrorizzanti che possano essere forzati a fare. Altri apprezzano di stare al centro dell’attenzione. Sarebbe facile continuare con questo tipo di opposti, ma qualsiasi siano i nostri sentimenti nei confronti delle presentazioni, dobbiamo ammettere che esse sono arrivate a giocare un ruolo fondamentale nel nostro mondo. Saremo sempre destinati a presentare qualcosa, sia che si tratti di un prodotto, un progetto all’università, o semplicemente noi stessi durante un colloquio di lavoro. Per questo motivo, è molto importante dare un’occhiata agli aspetti più importanti riguardo la realizzazione di una presentazione.

Il primo passo da compiere, come in ogni tipo di situazione, è evidentemente quello della preparazione. E’, infatti, di primaria importanza conoscere bene il proprio pubblico, il proprio argomento, e le modalità di presentazione. Quest’ultima è indirizzata a bambini o adulti? E’ di tipo accademico o aziendale? E’ necessario seguire determinate linee guida e inserire quindi, per esempio, il logo dell’azienda su ogni slide di power point o il nome del proprio professore eccetera?

Non è esattamente un segreto il perchè una persona dovrebbe conoscere bene l’argomento di cui andrà a parlare, ma persino grazie a questo sarebbe possibile ottenere un punteggio bonus oppure ottimizzare il proprio tempo. La domanda essenziale a questo proposito è: “ti saranno rivolte delle domande?” e se si, di quale natura saranno? Qualora non vi sia la possibilità che qualcuno ponga una domanda, ad esempio se la tua presentazione è registrata, in quel caso è comunque opportuno avere una conoscenza dell’argomento più approfondita rispetto al livello minimo, ma non puoi trarre vantaggio da ciò. Nonostante ciò, quando ti verranno fatte delle domande a seguito della tua presentazione, devi essere preparato a riguardo. In questo caso risulta anche sensato pensare a quali domande potrebbesti ricevere. Inoltre, puoi fare allusioni a punti sui quali vorresti che ti venissero poste delle domande, come ad esempio: “Il fattore X risulta nel fattore Y se si usa il fattore Z. Per motivi di tempo, non mi dilungherò nello spiegare il fattore Z, ma in caso voleste sapere di più su quest’ultimo, sentitevi liberi di chiedermi informazioni su di esso dopo la presentazione.” L’ultimo “sub-fattore” relativo alla preparazione consiste nel conoscere te stesso. Questo non significa che tu debba trovare il tuo equilibrio interiore o qualcosa del genere, ma che debba sapere che cosa ti fa sentire a tuo agio durante la presentazione. Preferisci scrivere l’intero testo e riusciresti in questo caso a evitare di leggerlo interamente durante la presentazione? Sei in grado di impare tutto a memoria senza sembrare innaturale? Le Flash cards ti aiutano a mettere in moto la tua memoria o rappresentano un ostacolo?

Un altro fattore che deve essere necessariamente chiaro è che qualsiasi sia l’argomento da presentare, nel momento in cui ne parli, presenti anche te stesso. Ciò significa che devi pensare al tuo aspetto fisico. Fai in modo che i tuoi vestiti siano adatti all’occasione. Di solito un aspetto moderatamente chic e ben curato è quello adatto. Sii conscio della tua postura, gesti e espressioni facciali, in quanto essi posso aiutarti immensamente se bene utilizzati, ma possono anche determinare il tuo fallimento. Per questo preparali precedentemente a casa davanti allo specchio. Generalmente dovresti stare in piedi assumendo una posizione eretta e avere le braccia lungo il corpo, anche se questo va spesso contro delle preferenze personali.

Se sei una persona ambiziosa, potresti provare ad ottenere un “credito extra”, che di solito ricevi includendo qualcosa di geniale. Dieci anni fa ciò sarebbe potuto consistere in una presentazione in power point. Oggi, invece, ciò rappresenta la normalità. Prova a pensare a qualcosa di nuovo o qualcosa che solo tu puoi offrire. Potresti, ad esempio, introdurre un questionario o inizire la presentazione con una scena di cinque minuti. Trova qualcosa che sia adatto a te e non esagerare.

Il resto arriva con la pratica. Tutti sono nervosi prima di una presentazione, persino noti attori sono famosi per la loro ansia da palcoscenico. La cosa più importante è imparare a limitare tale ansia, ad esempio adottando una determinata routine, che può consistere nel ricontrollare il tutto oppure ascolatre la tua canzone preferita prima della pesentazione. Qualora fossi molto nervoso, potrebbe essere utile cercare di guardare, ad esempio, verso un orologio alle spalle del pubblico, oppure all’inizio verso un amico. Nonostante ciò, dovresti comunque mantenere il contatto visivo con il pubblico. Prova a sperimentare stando in gruppi in cui ti trovi a tuo agio e potresti addirittura iniziare a divertirti.

, , , , , , , ,

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>